mercoledì 5 maggio 2010

Vinissage, il salone bioeccellente e solidale, viaggio tra i vignaioli

Per un week-end Asti diventa capitale del vino naturale. Accadrà il 15 e 16 maggio prossimi quando si svolgerà, nella prestigiosa cornice del Palazzo del Michelerio, la quinta edizione di Vinissage, manifestazione che di anno in anno fa registrare un interesse crescente tra appassionati e addetti ai lavori. L'iniziativa, organizzata dal Comune di Asti con il supporto di Officina Enoica, sarà caratterizzata da due giornate di degustazioni, dibattiti, incontri, arte dedicati a chi vede nel vino qualcosa di più che una bevanda: un aggregatore sociale, una testimonianza di storie e territori, un bene culturale a tutti gli effetti.

I protagonisti assoluti saranno i vini naturali - biologici e biodinamici - degli oltre sessanta vignaioli provenienti da diverse regioni italiane e dalla Francia accomunati dal rispetto per la terra e per il consumatore e dalla sostenibilità delle pratiche adottate in vigna come in cantina. Ma a Vinissage ci sarà anche spazio per l'approfondimento - è previsto per sabato 16 il convegno Biodiversità, nauturalità, economia carceraria che vedrà impegnati in una riflessione comune giornalisti ed esponenti dell'associazionismo - la cultura (in programma un concerto jazz per la serata di sabato e una visita guidata all'interno del futuro Museo diocesano della Cattedrale) e una degustazione guidata dedicata alla Barbera d'Asti docg (domenica a partire dalle 17), organizzata per richiamare l'attenzione su uno dei più importanti rossi piemontesi che recentemente ha conquistato la docg e che è al centro di un’importante campagna di comunicazione.

Nel programma anche una vetrina di formaggi piemontesi, la vendita di alimenti provenienti dalla filiera dell'economia carceraria e le lezioni di cucina della Scuola Gourmet.Vinissage 2010, che sarà caratterizzata per la prima volta da una rete di comunicazione “in diretta” sui maggiori canali d’informazione su Internet, è organizzata dal Comune di Asti d’intesa con Provincia di Asti, Regione Piemonte e Fondazione CrAsti. L’iniziativa conta anche sulla sinergia con Officina Enoica http://officina-enoica.noblogs.org associazione che promuove la vitivinicoltura eco-compatibile a garanzia delle bioeccellenze. «Unico scopo del nostro sodalizio – spiegano i fondatori di OE - è la volontà di sostenere i vignaioli i cui prodotti siano frutto di una viticoltura e di uno stile di vita improntati al rispetto della natura, alla preservazione dell'ambiente e della biodiversità, anche attraverso il metodo biologico e biodinamico, attenti alla salute dell'uomo e che siano espressione vera della terra e del lavoro che li genera». Il risultato che si vuole perseguire è lo «sviluppo e rafforzamento delle piccole economie locali con un attivo coinvolgimento del consumatore».

«Vinissage – dice Maurizio Rasero, assessore comunale alle Manifestazioni – è un prezioso cammeo nel panorama dei grandi gioielli enologici del Piemonte e d’Italia. Arricchisce e completa l’offerta enoturistica di Asti. Venirci vuol dire condividere con i vignaioli e i loro vini il rispetto della natura e dei suoi cicli, diffondere una cultura di forte legame con il territorio in armonia con la natura. Il valore aggiunto trasmesso dai vini “ naturali” è un invito da non perdere per scoprire un altro tassello del grande mosaico del vino» .

Tra le tante novità nel programma di questa quinta edizione di Vinissage c’è la collaborazione con la CFPP Casa di Carità di Verbania http://www.cfpp.it, una onlus, cioè un’organizzazione non a scopo di lucro di utilità sociale, che si occupa di orientamento, formazione professionale e inserimento socio-lavorativo prevalentemente di persone svantaggiate, detenuti, ex detenuti, giovani a rischio, stranieri, tossicodipendenti. Tra le attività ci sono anche coltivazioni biologiche e di ristorazione. E proprio questi progetti, inseriti nell’ambito dell’enosalone astigiano offriranno l’occasione di far conoscere ed acquistare al pubblico prodotti della cosiddetta “economia carceraria”, oltre ad offrire un’opportunità di riflessione sul significato profondo di quelle attività che consentono l’integrazione dei detenuti attraverso il meccanismo della riabilitazione.

Ci saranno, inoltre, visite guidate al futuro Museo della Cattedrale, uno dei vanti di Asti intesa come città d’arte; e le lezioni di “cucina con il vino” curate dalla scuola Gourmet (prenotazione obbligatoria su http://www.scuolagourmet.com che avranno come protagonisti i piatti del territorio per meglio accompagnare i vini in degustazione. Nella la suggestiva cornice del Palazzo del Michelerio sono previsti anche concerti di musica dal vivo.


Infine ecco una sintetica carta d’identità della manifestazione:

QUANDO

- Sabato 15 maggio dalle ore 15,30 alle ore 21,00

- Domenica 16 maggio dalle ore 10,30 alle 20

DOVE

Asti, Palazzo del Michelerio, corso Alfieri 381

INGRESSO

con Degustazione presso tutte le aziende presenti , calice e catalogo € 5,00

Info : www.comune.asti.it mail : promoterr@comune.asti.it

Tel.0141/399526

OFFICINA ENOICA

http://officina-enoica.noblogs.org/

officinaenoica@officinaenoica.org

Tel +39 335 6238642


Lettori fissi